Nuova_Biblioteca_Fantasma_di_Ragusa.jpgNon so se c’e’ una voce “nuove librerie” tra gli indici di vivibilità nelle classifiche che vengono via via stilate  da Sole24ore, Legambiente, Istat ecc.

Se ci fosse, Ragusa non sarebbe agli ultimi posti, come è ormai consuetudine per gli altri indicatori…

L’incremento di librerie che sono state aperte negli ultimi anni è notevole: qualcosa che ci sembra assolutamente contro tendenza rispetto alle altre citta’ dove, casomai, l’editoria libraria vive con molta difficolta’ il contrasto con gli altri media.

Secondo me, nell’apertura di una nuova libreria c’e’ qualcosa di eroico…
Una delle iniziative piu’ lodevoli in questo campo e’ la libreria Saltatempo, in via G.B. Odierna, che si propone come luogo d’incontro per iniziative di carattere culturale non necessariamente legate all’editoria.

Se volete rinfrescare il vs inglese, ad esempio, potete partecipare ai cocktail che vengono organizzati nel fine settimana, oppure approfondire la conoscenza dei vini seguendo un corso da sommelier, o tante altre iniziative che le curatrici del locale propongono.

Da segnalare anche la  libreria Ubik, a Ibla: anche qui varie iniziative culturali rivolte soprattutto alla nascente comunita’ di studenti e docenti universitari.