Sotto le invitanti luci dâ vitrina dû cosaruciaru risalta il bel colore ambrato dâ cutugnàta, una confettura a base di zucchero e polpa di cotogne, decorata dai disegni dello stampo di terracotta smaltata (u stampu) entro il quale è fatta asciugare.
Accanto alle cotognate,i mustàrdi sulle quali vengono adagiatei fogghi sicchi d’addura che conferiscono un particolare aroma.
A mustarda di mustu, detta anche mustucottu, e a mustarda di ficurinia sono dolci a base di mosto o succo di fichi d’India, addensato con amido o semola (ccû-ll’àmitu o-ccâ simula), aromatizzato e condito con pezzi di mennuli munnati,cannedda, cardamomo, chiodi di garofano, scorze d’arancia tritate e infornate e, a piacimento, cacao o pezzi di cioccolato.
La mostarda o mustata si consuma sia fresca, sia secca (mustarda frisca o sicca) dopo averla fatta asciugare al sole, entropiccoli stampi di foggia varia.

Questa è un immagine che rende un pò un’idea di ciò che ho detto forse viste così nn ispirano tanto ma da mangiare sn veramente ottime😉