PALERMO OGGI

squadra-antimafia-immagine

Da questa sera su Canale 5 va in onda Squadra Antimafia – Palermo oggi, la miniserie di sei puntate da 100 minuti l’una, prodotta dalla Taodue e diretta da Pier Belloni, che racconta la Palermo dei giorni nostri, le lotte interne per la leadership di Cosa Nostra dopo l’arresto di Bernardo Provenzano e il grande lavoro dell’antimafia.

Claudia Mares (Simona Cavallari),vicequestore di Roma, viene richiamata a Palermo, dove ha trascorso gran parte della sua vita, dal collega Stefano Lauria (Massimo Poggio), il capo della Duomo, la squadra antimafia che ha catturato Provenzano, per indagare sulla scomparsa di un ingegnere delle telecomunicazioni. Purtroppo Lauria muore e alla Duomo, formata da Alfiere (Ninni Bruschetta), Africa (Marco Leonardi), Gigante (Lele Vannoli) e Viola (Silvia De Santis), viene assegnata proprio Cladia e il collega Ivan Di Meo (Claudio Gioè).

La squadra non dovrà soltanto fare luce sulla morte di Lauria, ma continuare le indagini che lui stava conducendo sulla famiglia di Rosy Abate (Giulia Michelini), vecchia amica di Claudia rientrata a Palermo da New York e i boss Michele Lopane (Beppe Lanzetta) e Giacomo Trapani (Claudio Mastrogiovanni): la Duomo scoprirà che le famiglie mafiose si sono evolute e che la guerra contro Cosa Nostra sarà impresa ardua.

Le caratteristiche che distinguono Squadra antimafia dal vasto repertorio riguardante le fiction dedicate alla mafia, sono molteplici: i sei episodi non raccontano fatti differenti ogni puntata, ma sei parti di un unico grande racconto; al centro della storia c’è la relazione conflittuale tra due donne, un tempo amiche, che tenteranno di ritrovarsi pur essendo dai due lati opposti della barricata; non è solo una fiction d’azione, ma anche di spionaggio.

Lo sceneggiatore Stefano Bises ha spiegato che Squadra Antimafia è stato pensato per chiudere una trilogia sulla mafia formata dai precedenti lavori, Il capo dei capi (dedicato a Totò Riina) e L’ultimo padrino (riguardante Bernardo Provenzano). Questo lavoro racconta il ritorno delle famiglie americane, che furono scacciate dai Corleonesi, parla della mafia moderna, delle lotte di potere e delle donne della mafia pentite.