Questo Blog nasce come esercitazione pratica di Web Content, ovvero un corso che ho frequentato presso l’Università degli Studi di Urbino ,essendo per la prima volta alle prese con un blog mi sono ritrovata ad dovvere scrivere ed aggiornare i miei visitatori su tutto ciò che rigurada la mia terra “la mia patria” su gli eventi manifastazioni ecc…spero che tutto questo sia stato di vostro gradimento! Volevo,ringraziarvi per la collaborazione che mi avete dato e che mi date e per chi non l’avesse ancora fatto, è ancora in tempo per racuperare😉 e commentare i vari post, compilando pure  il questionario (cliccando alla voce “Questionario” nella prima  colonna o nel banner grafico sotto) Grazie ancora a tutti

 
Buona la trovata pubblicitaria, ma è una farsa
immagini_articoli/1274117358_3379849043_1a8b3c7596_o.jpg Ragusa – Stessa spiaggia, stesso mare? No stessa bandierina e nuova polemica.

Il coordinamento provinciale di FareAmbiente si compiace da un lato dell’assegnazione per Pozzallo, la nona consecutiva, e per Marina di Ragusa, riconferma dopo la prima assegnazione dello scorso anno, ma allo stesso tempo si ribella alla Bandiera Blu.

Per quale motivo?

“Ha premiato – dice Salvatore Mandarà, coordinatore di FareAmbiente – solo due località della nostra fascia costiera, contro le 231 spiagge premiate in tutta Italia, piazzando così la Sicilia al decimo posto nella speciale classifica. Ma contro cosa ci ribelliamo? La bandiera blu viene assegnata da un ente non profit con sede in Danimarca, ‘The Blue Flag’: questo comporta per i Comuni una richiesta, cioè una candidatura volontaria, dimostrare di avere i requisiti e quindi sostenere delle spese, perché le analisi delle acque costano e la fondazione ne pretende 2 al mese, da aprile a settembre. La metà del costo lo finanzia la Regione, il resto (quasi mille euro) resta in carico ai Comuni e spesso i fondi non ci sono”.
E quindi? “Se l’obiettivo principale di questo programma – dichiara ancora Mandarà – è quello di indirizzare la politica di gestione locale di numerose località rivierasche verso un processo di sostenibilità ambientale, dato che la Bandiera Blu è un eco-label volontario assegnato alle località turistiche balneari che rispettano criteri relativi alla gestione sostenibile del territorio come la qualità delle acque, della costa, servizi e misure di sicurezza, educazione ambientale, le richieste dalla Fondazione per l’educazione ambientale (Fee) in Italia sono troppo onerose pregiudicando già a priori la possibilità per molti comuni di partecipare pur avendone i requisiti. La conseguenza di tutto ciò è che spiagge stupende come Punta Secca, Scoglitti, Cava D’Aliga, Marina di Modica, Marina di Acate e via dicendo, pur garantendo un’ottima balneabilità per acque e spiagge pulite, non possono permettersi di far fronte al complesso ma soprattutto costoso iter burocratico”. A dirla in breve il coordinatore di FareAmbiente Mandarà se da un lato è soddisfatto per le due bandiere blu assegnate alla fascia costiera dell’area iblea, dall’altro frena i salti di gioia soprattutto di Pozzallo, secondo cui non ritiene affatto possedere una marcia in più rispetto ad altre zone della fascia costiera. “Entrare a far parte del libro d’oro della Fee Italia – commenta ancora Salvatore Mandarà – vuol dire avere più turisti, e quindi sviluppo economico, lo stesso che meritano alcune spiagge che certamente non hanno nulla da invidiare a Pozzallo”. A sostenere questa tesi viene in aiuto il nuovo regolamento internazionale della Fee, annunciato dalla ‘Creo’ secondo cui dal prossimo anno sarà obbligatorio un solo campionamento al mese riducendo dunque le spese a carico sia di Regione quanto dei Comuni e che potrebbe dunque rovesciare la hit parade. Bisognerà attendere, quindi, altri dodici mesi prima di conoscere se, quanto affermato dall’associazione ambientalista, effettivamente si verificherà. Se così fosse, l’assegnazione della Bandiera Blu, finora, ha premiato solo i Comuni con le casse più floride, penalizzando quelli che non hanno potuto avviare le procedure.

 
Non ci sono danni
immagini_articoli/1273656146_1721-7545_sismografo.jpg Ragusa – Scossa di terremoto di magnitudo 2.2. questa mattina, alle 7.18 nel distretto sismico dei Monti Iblei, tra le province di Ragusa e Catania.

Il sisma e’ stato registrato dagli strumenti dell’Ingv a una profondita’ di 5,6 chilometri, con epicentro tra Comiso e Vittoria, interessando, in particolare, anche i Comuni di Acate, sempre nel ragusano, e Mazzarrone, nel catanese.

Il Nero d’Avola, è un vitigno di uve rosse tra i più noti della produzione autoctona siciliana.

Il vitigno Nero d’Avola fu importato dai greci durante la loro presenza nell’isola, da loro deriva anche il tipo di allevamento a “bassa ceppaia”. Impiantato tipicamente a spalliera o ad alberello.

A partire da un decennio a questa parte, i vini contenenti Nero d’Avola vengono esportati in tutto il mondo; il vitigno conferisce loro qualità di robustezza e corposità; quanto più un vino contiene alte percentuali di Nero d’Avola, quanto più questo avrà un carattere forte e deciso.

Proprio per le sue qualità il Nero d’Avola viene utilizzato per tagliare vini medio-leggeri come il Merlot e il Cabernet Sauvignon.

Troviamo il Nero d’Avola come ingrediente di diversi vini DOC e IGT sia come vino protagonista che da taglio: Eloro, Marsala, Cerasuolo di Vittoria, Bivongi, Sciacca, S. Margherita di Belice, Contea di Sclafani, Delia Nivonelli, Sambuca di Sicilia, Contessa Entellina, Alcamo.

Generalizzando, a seconda della zona di origine siciliana possiamo individuare alcune caratteristiche distintive all’interno della produzione stessa: ad Occidente abbiamo una maggiore concentrazione, spigolosità e aggressività; al Centro una più decisa percezione di frutti rossi; ad Est, maggior raffinatezza, con sottofondo di frutta secca.

Recentemente molti produttori si sono attivati per produrre vini unendo il Nero d’Avola ad altri vitigni di sapore più internazionale e sono nati così connubi, come Nero d’Avola – Syrah, Nero d’Avola – Cabernet Sauvignon, Nero d’Avola – Merlot, con risultati davvero eleganti e sorprendenti.

-se Rausa provincia e Muorica stamincia…
-se quannu ti vuoi pigghiari u paninu è ‘u paninu comi chidi ca ‘nvintau bonarmuzza ri Lucianu’…
-se u sabitu a sira stai a Marina tra a piazza Duca-u 4/4-Decanter…ca nun ti piaci a confusioni ma ci passi u stissu…
-se a ruminica ti vai a fari a passiata a Iusu…
-se almenu na vota ta pigghiatu u cafè o Prima Classe (anche se dici ca duocu nun ti piacinu i pirsuni)…
-se canusci a Manolo…pe biglietti…
-se ogni tantu ti ni vai a virriri a Virtus o PalaZama…
-se quannu nun’hai nenti chi fari ti ni vai o Centru Commerciali…
-se si cunvintu ca i rustici ra Grotta nun i batti nudu…
-se ora ca stanu faciennu u puorti pienzi ca mentri accattarisi ‘mpiezzu ri garagi a Marina astura cummeni…
-se c’hai a casa a Rausa…a Cisternazzi/Puntarazzi…e a Marina…
-se ri stati o venerdì s’abballa sulu a ’70/’80/’90…
-se puoi a ruminica ti ni vai pure a Notti Italiana o Koala…
-se ti ni vai o cinema o Cineplex ri sumana quannu si paia ciù picca…
-se pienzi ca a fini si ni vanu tutti ri stu paisi…ma quannu ci tuorninu nun si ni vulissinu iri acciù…
-se sta stati nonostanti c’era casinu e tutti si lamintaunu ca nun c’era musica tutti erunu abbiati o LaOla…
-se ti piaci a scaccia ca sarsa…e chida ca mulinciana…
-se a Pasqua si mancinu sulu i ‘mpanati e i turciniuna…
-se pi Natali sempri ‘mpiezzu ri sfuogghiu sa tastari…
-se ti talii l’Indice ri Mario Papa…
-se armenu na vota n’ama pigghiatu nu bistimmiuni ri Cuncittina Ciau Ciau…
-se piensi ca intra na Ka o na Smart ci stapi sempri ‘mficuni…
-se armenu na vota a statu e bancarielli ri San Giovanni…
-se pigghi l’atabbussu pi Iusu sulu a San Giorgio e pi Ibla Buskers…
-se piensi ca na birra o Lucernaio avi n’atru sapuri…ma sai ca da rintra u telefunu nun pigghia mai…
-se nun capisci picchì pa serata universitaria ro mercoledì ci su tutti tranni chidi ca sturienu a l’università…
-se ti stanu supra i palli chidi re strisci blu…
-se a fini pi firraustu piensi ca sia miegghiu sempri n’arrustuta ri carni…
-se a birra o Tempio Divino costa sempre ciù picca…
-se ancora viri pieri pieri quaccarunu co giubotto jeas blu e i jeas blu…e nun virunu l’ura ca arriva un mienzu tiempu pi mittirasillu…
-se si iscrittu a palestra…o Palapianetti o all’Athena o a Basaki…
-se nun capisci picchi stanu faciennu sulu rotatorie…
-se nun capisci unni finierru i sordi pi fari a suprastrata e u parcheggiu sotterraneu…
-se ra statua ri Pennavaria unni sa mittiunu e mittiunu ti ni futtia picca…
-se armenu na vota ninniemmu o Terrace a jucari che ioca ri società…
-se quannu parri rici mincia, cianu e ciovu…
-se ligghiennu sta cosa capisti chieca scrissi!

SICULO-AMERICANI
qualcosa da dire per ogni occasione
 
 
*But were and when!* – ‘Ma unni e quannu!’
 
*The time is on the water and the river pull stones!* – ‘ U tiempu e all’acqua e ciumi tira pettri! ‘
 
* Never Mary! * – ‘ Mai Maria! ‘
 
* If you want to stay, stayed! But becam late! * – ‘ Se vuliti stari, stapiti! Ma taddu si fici! ‘
 
* Like did the ancestors! * – ‘ Comu ficinu a’ntichi! ‘
 
* We put water into home without tubes! * – ‘ Ni misimu l’acqua intra senza tubba! ‘
 
* Also  salt as made the worms! * – ‘ Macari u sali fici i viemmi! ‘
 
* You want the full barrel and the drunk wife! * – ‘ Vuoi a utti cina e a mujgieri m’priaca!’
 
* God give the bread to doesn’t have the teeth!… * – ‘ U Signuri runa u pani a cu nun’ avi i rienti!… ‘
 
* …And us that we have the grindstones we must drink the broth! * – ‘…E niautri c’aviemu i scajgiuna nama sucari u bruoru! ‘
 
* You make sex,you make sex, that God forgives everybody! * – ‘ Futti, futti, ca Diu pidduna a tutti! ‘
 
* Alive eye and hand to the knife! * – ‘ Uocciu vivu e manu o cutieddu! ‘
 
* As it is, it is, enough that it is! * – ‘ A comu ejgè, basta ca è! ‘
 
* Give the bite and it throws the bone! * – ‘ Runa u muossu e jgetta l’uossu! ‘
 
* But he has so much suspended grape! * – ‘ A chiddu n’avi tanta racina appisa! ‘
 
* Everything world is country! * – ‘ Tuttu u munnu è paisi! ‘
 
* Always rains on the wet! * – ‘ Ciovi sempri supra o vagnatu! ‘
 
* You has lost the hair, the pig and the wool! * – ‘ Pessi pilu, puorcu e lana! ‘
 
* Better alone that badly accompanied! * – ‘ Miejgiu suli ca mali accumpagnati! ‘
 
* Order and you go there! * – ‘ Cumanna e vacci tu! ‘
 
* We arm ourselves and gone! * – ‘ Armamini e pattiti! ‘
 
* In time of scarcity every hole is a gallery! * – ‘ A tiempu i caristia ogni pirtusu è na galleria! ‘
 
* Yes you are a man… not your sister! * – ‘ Tu si ca sì uomminu…no ta suoru! ‘
 
* This is the girlfirend! * – ‘ Chista è a zita! ‘

Questi sono alcuni detti Siculi tradotti in Americano

marina di ragusa - Pub - Kanathè
marina di ragusa - Pub - Kanathè

Sabato 8 Maggio 2010 ore 23:05

Col 2010 si apre la nuova stagione del Kanathè a Marina di Ragusa. Kanathè è un locale nuovissimo, aperto a luglio del 2009, già affermato sia come ristorante e pizzeria, sia come american bar e lounge bar. Kanathè infatti è un locale multifunzionale. Dispone di un’ampia sala ristorante pizzeria con ben 120 posti a sedere, dove poter assaporare le pietanze sapientemente realizzate dal nostro chef Franco Sgarlata, un modernissimo american bar , vero e proprio salotto dove poter gustare i cocktails del nostro Barmen Maurizio Brugaletta. Infine Kanathè dispone anche di un’ampio spazio esterno curato nei dettagli sfruttato sia in inverno che in estate, data la particolare posizione riparata.

Tante le serate già organizzate e tante quelle che verranno. Gli appuntamenti fissi sono quelli del sabato sera Hot – Beatz con i nostri due dj , Jose Dicaro e Jitzu, e quelli della domenica con l’ormai famoso Aperitivo Rendez – Vous, un aperitivo rinforzato ricchissimo, contornato dalla buona musica dei nostri dj e dai drink preparati da Maurizio. La domenica invece nella sala ristorante c’è l’ormai consolidata serata di Giropizza e Karaoke, un appuntamento divertente che diventa sempre più importante.

Con l’arrivo della bella stagione arriveranno tanti altri appuntamenti con concerti, musica dal vivo, serate a tema, degustazioni e tanto altro…

Kanathè si trova a Marina di Ragusa, lungomare Andrea Doria n. 20 (ex Victoria Pub).

L’Enviroil Gela è uscita sconfitta dalla gara 1 dei quarti di finale di serie C dilettanti contro una Nova Virtus Ragusa scatenata che per buona parte dell’incontro, è stata in vantaggio. Pur priva di Alessandro Sorrentino, il team di coach Recupido è riuscito nell’impresa di espugnare il PalaCossiga, grazie a una prestazione maiuscola di tutto il suo roster. E’ stata una partita equilibrata giocata tutta all’insegna della difesa. Il primo tempo si è chiuso con gli iblei in vantaggio, mentre l’ultimo periodo di gioco è iniziato in perfetta parità con due squadre ben schierate in campo. Gela è andata avanti di 7 punti, ma Ragusa, con vari assetti difensivi e una pressione asfissiante sulla palla, è riuscita poi ad avere la meglio sui padroni di casa. Ottima prestazione di Lissandrello che ha portato a casa 22 punti. Prossima gara giovedì 6 maggio, al Palapadua.

La mostra fotografica e documentaria “Pozzallo: biografia di una città di mare”, allestita nei locali dello Spazio Cultura “Meno Assenza”, sarà ospitata a New York in autunno in occasione delle celebrazioni per il 90° anniversario della fondazione della Società dei Pozzallesi d’America. A comunicarlo è stato il presidente della Società Marinara, Luigi Ammatuna, che ha accolto l’invito del direttivo della Society of the Citizens of Pozzallo. La mostra, curata dai fotografi Massimo e Ninì Assenza per la parte iconografica e da Grazia Dormiente per la ricerca d’archivio e organizzata nell’ambito del 180° dell’elevazione di Pozzallo a Comune, ripercorre la storia di una città di mare attraverso oltre 50 pannelli, più di 200 tra scatti d’autore, foto d’epoca, immagini viaggiate, cartoline ingiallite, documenti provenienti da collezioni private. La mostra racconta non solo il «come eravamo», con le immagini in bianco e nero dei mestieri scomparsi, dei carri in viaggio verso la Marza, dei velieri, delle lettere dall’America e delle tradizioni folcloristiche e religiose di un tempo, ma si apre al presente e al futuro con le splendide vedute del porto, sul quale si appuntano le speranze di sviluppo e di proiezione sul Mediterraneo non solo di Pozzallo ma dell’intera provincia iblea. La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 31 agosto 2009 e potrà essere visitata dal lunedì al sabato dalle ore 9 alle 13 e dalle ore 16 alle 22 (la domenica dalle ore 19 alle 22.)

Il famoso ciliegino di Pachino gode di molte proprietà benefiche. E’ rinfrescante, dissetante, ha effetti diuretici, ricco di licopene e di caroteni, sostante che agevolano il corretto funzionamento dell organismo e lo difendono dai radicali liberi. Contiene una buona dose di vitamina C, ad azione riparatrice e rigeneratrice su tutte le cellule dell’organismo. E’ ricco anche di sali minerali, con una funzione equilibratrice e disintossicante. Il Ciliegino è anche IGP.

La reputazione che il pomodoro di Pachino si è conquistata su tutti i mercati è dovuta ai seguenti fattori:

  • Il sapore
  • la consistenza della polpa
  • la lucentezza del frutto
  • la lunga durata post-raccolta
  • l’elevato contenuto in vitamine (vit. C) e antiossidanti (licopene)

NON SOLO E’ BUONO, MA FA ANCHE BENE

Diversi studi e ricerche hanno evidenziato l’importanza nella dieta, del consumo di frutta e ortaggi al fine di preservare la salute umana e il benessere fisico, prevenendo l’insorgenza di malattie cardiovascolari e di alcune forme tumorali. Negli ultimi anni una grande attenzione e’ stata rivolta al pomodoro e ai suoi derivati in quanto fonti principali di Licopene. Alcuni autori hanno riportato che un consumo abbondante di pomodoro e suoi derivati e’ inversamente correlato con il rischio di insorgenza di tumori dell’apparato digerente e della prostata. Inoltre sono stati svolti altri approfondimenti riguardo agli effetti benefici del Licopene sia nell’ambito delle malattie infettive, sia nei disturbi dermatologici.

dott.ssa Maria Elisabetta Genco, dott.Tommaso Addonisio, dermatologo Presidente Societa’ Italiana di Medicina del Benessere

LE DIVERSE VARIETA’ DEL POMODORO DI PACHINO. NON SOLO CILIEGINO!

Uno dei luoghi comuni più diffusi identifica il vero pomodoro di Pachino con la varietà “cilegino”.

Niente di più sbagliato!

L’IGP (vedi http://www.igppachino.it) classifica e tutela ben quattro tipologie diverse di pomodoro, tutte con peculiarità diverse, e destinate a diversi segmenti di mercato.

Sono tutte tipologie accomunate da un elevato grado brix, da una straordinaria resistenza post raccolta e da un colore brillante e attraente.

Il Pomodoro Ciliegino

pomodoro ciliegino di pachino

Caratteristico per l’aspetto “a ciliegia” su un grappolo a spina di pesce con frutti tondi, piccoli, dal colore eccellente e il grado brix elevato.

Il Pomodoro Costoluto

pomodoro costoluto di pachino

Frutto di grandi dimensioni, dalle coste marcate, di colore verde molto scuro e brillante, trova il suo habitat naturale nei terreni ad alta salinità.

Il Pomodoro Tondo Liscio

pomodoro tondo liscio di pachino

Piccolo e rotondo, di colore verde scuro, inconfondibile per il gusto molto marcato. E’ molto apprezzato dai consumatori d’oltralpe. I suoi frutti sono di consistenza ineguagliabile.

Il Pomodoro a Grappolo

pomodoro a grappolo di pachino

A grappolo o snocciolato, può essere verde o rosso. Tondo, liscio, dal colore brillante e attraente, con il colletto verde molto scuro.Il suo peso varia in base allasalinità del terreno di coltivazione.

Per ulteriori informazioni visita il sito: www.igppachino.it

dicembre: 2016
L M M G V S D
« Giu    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Questionario

Banner